Spese sanitarie: come ottenere un rimborso grazie alle polizze assicurative

Un’assicurazione per spese sanitarie è una polizza che può essere stipulata su base volontaria a supporto degli esborsi relativi a eventuali prestazioni mediche.

Al variare della tipologia di contratto e delle esigenze del contraente, può coprire i costi sostenuti a fronte di un ricovero, di un day hospital, di un parto o di un’interruzione terapeutica della gravidanza, senza contare che si rivela estremamente vantaggiosa anche nel caso in cui sia necessario sottoporsi a un intervento chirurgico come conseguenza di una malattia o di un infortunio.

Perché stipulare una polizza per spese sanitarie

I motivi che in genere spingono a stipulare una polizza per spese sanitarie sono da ricercare principalmente nella possibilità di beneficiare di una protezione completa ovunque ci si trovi.

Questa tipologia di assicurazione, infatti, spesso è valida sia sul territorio nazionale sia su territorio estero, nel primo caso a copertura del costo dei consulti privati, ad esempio quando ci si voglia sottrarre alle liste d’attesa del Servizio Sanitario Nazionale o richiedere il parere di un secondo specialista, nel secondo, per evitare che le spese mediche dovute a imprevisti possano tradursi in un costo insostenibile.

Inoltre, in caso di malattia o infortunio all’estero, una polizza assicurativa per spese sanitarie garantisce una tutela a 360 gradi. La copertura, infatti, spesso non comprende soltanto i classici costi derivanti da interventi e degenza, ma anche un’assistenza in loco, il pagamento delle spese sostenute da un eventuale accompagnatore e, se possibile, il rimpatrio della persona assicurata.

Tra le polizze che offrono tutte queste garanzie c’è Helvetia MyHealth l’assicurazione per le spese mediche di Helvetia che può coprire i classici costi sanitari oppure le spese derivanti da grandi interventi chirurgici. La copertura dà inoltre ai sottoscrittori la possibilità di avvalersi delle prestazioni mediche di centri clinici d’eccellenza convenzionati, il tutto senza dover sostenere alcuna spesa preventiva.

In aggiunta, in caso di parto indennizzabile secondo i termini del contratto assicurativo, Helvetia MyHealth garantisce anche una tutela per il nascituro, coprendo i costi per eventuali ricoveri o interventi dovuti a infortuni o malattie, fino alla scadenza del primo anno di premio.

Polizza per spese mediche: come richiedere il rimborso

Richiedere il rimborso delle spese mediche coperte da una polizza per costi sanitari è piuttosto semplice. In genere, a dettare le linee guida sono le indicazioni contenute sul contratto, ma nella maggior pare dei casi l’iter prevede una comunicazione preventiva alla compagnia assicurativa, secondo i tempi e le modalità indicati nelle clausole, e la produzione di un’opportuna documentazione da inviare secondo le procedure riportate sul contratto.

Nello specifico, in caso di sinistri che contemplino un rimborso – salvo i casi in cui ci si avvalga di prestazioni mediche corrisposte da centri convenzionati con la compagnia assicurativa – in genere è richiesta la compilazione e l’invio di un apposito modulo di denuncia precompilato, nel quale inserire tutti i dati del contraente, dell’assicurato e delle singole fatture, derivanti da spese mediche, visite specialistiche, trattamenti e accertamenti diagnostici.

Naturalmente, assieme al documento, devono essere allegati anche gli altri incartamenti richiesti sul contratto, in particolare le copie integrali di referti e cartelle cliniche e, nel caso di acquisto di farmaci post ricovero, degli scontrini relativi alla spesa.

In quali altri casi si può richiedere un rimborso per spese sanitarie

La polizza per la copertura delle spese mediche spesso prevede il rimborso delle somme sostenute, anche nei giorni precedenti e successivi al ricovero o a un intervento chirurgico effettuato in day hospital a seguito di infortunio o malattia.

Helvetia MyHealth, per esempio, rimborsa le spese sanitarie per esami, consulenze, prestazioni mediche, infermieristiche e fisioterapiche – nonché eventuali costi per il trasporto in ambulanza – effettuate nei 120 giorni che seguono o precedono il ricovero o l’intervento senza degenza.

Naturalmente, tutte le prestazioni coperte da una polizza per spese mediche sono sempre soggette a dei limiti, che in genere dipendono dai massimali concordati in fase di stipula.

 

Marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Conti corrente Banco Desio: quali sono e come richiederli

Dom Mag 1 , 2022
Banco Desio è una delle banche più solide del nostro Paese, presente soprattutto nelle regioni del centro-nord. L’istituto di credito offre un’ampia scelta di conti corrente, conti deposito, prestiti e finanziamenti, strumenti d’investimento, servizi di trading e coperture assicurative, con costi contenuti e funzionalità avanzate per i servizi di internet […]
Banca