I 5 trend per un investimento nel 2023

Nel mondo degli investimenti, si sa, non esistono garanzie o certezze assolute. Investire, infatti, comporta sempre un certo livello di rischio. Quest’ultimo, tuttavia, può variare in base al tipo di investimento scelto. Un investimento ad alto rischio potrebbe essere più redditizio, ma potrebbe comportare anche perdite significative. Al contrario, altri tipi di investimento potrebbero offrire profitti inferiori, ma con un rischio minore.

Ma quindi, è davvero impossibile investire in modo sicuro? La risposta è “dipende”. Non esistono investimenti sicuri al 100%, ma ci sono soluzioni che consentono di far fruttare i propri risparmi proteggendo meglio il patrimonio.

In linea di massima, quando si opta per investimenti a basso rischio, è importante considerare tre aspetti fondamentali: l’orizzonte temporale (investimenti a lungo termine possono offrire maggiori opportunità di profitto), lo strumento di investimento scelto e il tasso di inflazione, che può influire sulla svalutazione del capitale investito.

Tra i consigli per investire oggi, sono indicati come “meno rischiosi”: i conti deposito, gli investimenti assicurativi, i libretti postali, i buoni fruttiferi postali e i titoli di Stato.

Conti deposito

Si tratta di veri e propri conti in banca che presentano un tasso di interesse annuo variabile in base al capitale depositato. Questo tipo di investimento è considerato sicuro grazie alla tutela fornita dal Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, con garanzia fino a 100.000 euro.

Ci sono conti deposito liberi, che consentono il prelievo libero dal conto, e conti deposito vincolati, che richiedono al cliente di non prelevare per un periodo di tempo specifico in cambio di un rendimento maggiore. Tuttavia, investire solo in conti deposito può esporre il capitale al rischio di incertezza sui tassi di interesse e sull’inflazione, specialmente a lungo termine. Inoltre, i rendimenti dei conti deposito sono tassati al 26%, a differenza dei titoli di Stato che sono tassati al 12,5%.

Libretti postali

I libretti postali sono emessi da Poste Italiane e comprendono tre tipologie: il libretto Smart, il libretto Ordinario e quello per i minori, oltre al libretto “giudiziario”. Il rendimento del libretto postale varia a seconda del prodotto scelto. I principali vantaggi dell’investimento nei libretti postali sono i bassi costi di gestione e la sicurezza del deposito, garantita dallo Stato italiano.

Investimenti assicurativi

Ad offrire questo prodotto sono le compagnie assicurative, che si impegnano nella gestione del patrimonio. Ci sono diverse tipologie di investimenti assicurativi, che consentono di delegare la gestione del capitale o di optare per investimenti più liberi.

Tra le possibilità di investimento assicurativo ci sono i fondi comuni di investimento (OICR), i fondi interni assicurativi, i piani individuali di risparmio (PIR) e i titoli del mercato azionario e obbligazionario. In caso di decesso prematuro dell’assicurato, di solito, gli investimenti assicurativi prevedono una maggiorazione del capitale investito da parte della compagnia.

Titoli di Stato

Un altro metodo è quello di acquistare titoli di Stato italiani. I titoli di Stato rappresentano un credito che il risparmiatore concede allo Stato. I titoli, emessi da ogni Paese, vengono valutati da agenzie di rating. Tra i titoli emessi in Italia ci sono:

  • BOT
  • BTP
  • CTZ
  • BTP€i
  • BTP Italia

Gli investimenti in titoli di Stato offrono una relativa sicurezza e stabilità, anche se i rendimenti potrebbero essere inferiori rispetto ad altri tipi di investimento ed è importante considerare l’inflazione, che rischia di erodere il proprio capitale investito.

Buoni fruttiferi postali

I buoni fruttiferi postali sono titoli garantiti dallo Stato italiano e possono essere sottoscritti presso gli Uffici Postali. Questi titoli non sono quotati, ma è possibile riscattarli in anticipo insieme agli interessi maturati. Offrono un’opzione di investimento relativamente sicura, con la garanzia dello Stato.

 

 

 

 

Chiara

Next Post

Dalla Formula E a Parigi 2024: quando lo sport diventa sostenibile

Gio Lug 13 , 2023
Il futuro dello sport è sempre più verde. Non solo grazie alla Formula E, in pista il 15 e il 16 luglio a Roma per la quinta edizione dell’E-Prix della Capitale. Ci sono anche altri sport che stanno realizzando numerose iniziative sostenibili per salvaguardare il pianeta.

Potrebbe interessarti anche