Scegliere la libera professione: quali sono i pro e i contro?

In Italia si contano poco meno di 5 milioni di partite IVA, una quota considerevole del tessuto economico del nostro Paese che comprende lavoratori autonomi, freelance, liberi professionisti, artigiani e ditte individuali. D’altronde, mettersi in proprio e scegliere la libera professione offre numerose opportunità, nonostante non si tratti di una carriera semplice e priva di difficoltà.

Tuttavia, con un tasso di disoccupazione intorno al 9% e di quasi il 30% tra i giovani, è importante valutare con attenzione i pro e contro di questa soluzione, tenendo conto anche dei cambiamenti socioeconomici in corso a livello locale e globale. In questi casi, dunque, non solo bisogna analizzare in modo accurato vantaggi e svantaggi della libera professione, ma è essenziale scegliere la strada giusta e avere chiare le motivazioni dietro tale scelta.

I principali svantaggi della libera professione e come affrontarli

Rispetto a un lavoratore subordinato un professionista autonomo deve fare i conti con una serie di complessità. Innanzitutto bisogna considerare l’imposizione fiscale, con una tassazione che in Italia è piuttosto elevata rispetto ad altri paesi. Inoltre è necessario occuparsi di numerosi adempimenti fiscali e contabili, operazioni non semplici che comportano un considerevole dispendio di tempo e risorse senza il supporto di esperti specializzati.

Come spiegato dai professionisti di Fiscozen, un servizio online di assistenza e consulenza fiscale per i titolari di partita IVA, una soluzione adatta a chi vuole cominciare oggi la libera professione è l’apertura di partita IVA nel regime forfettario. Si tratta di un’opzione che consente di risparmiare su imposte e contributi, con adempimenti semplificati, l’esonero dalla fatturazione elettronica e una franchigia IVA che permette di essere più competitivi sul mercato.

Al giorno d’oggi è anche possibile aprire e gestire la partita IVA in modo facile, veloce e conveniente rivolgendosi a piattaforme online come Fiscozen.it, per usufruire di una soluzione completa per i professionisti autonomi con un prezzo di appena 299 euro l’anno + IVA per il regime forfettario o dei minimi. In questo modo è possibile avere sempre a disposizione un consulente fiscale dedicato, rimanendo sempre in regola con le scadenze e la preparazione della dichiarazione dei redditi.

Utilizzare i servizi online per gestire la partita IVA permette di risparmiare tempo e risorse da dedicare alla propria attività, trasformando degli svantaggi in vantaggi per concentrarsi sulla crescita del proprio progetto professionale e il raggiungimento degli obiettivi prefissati. In più è possibile ridurre alcuni rischi legati alla libera professione, evitando errori e dimenticanze che potrebbero causare un danno economico significativo per un autonomo all’inizio della sua nuova carriera di professionista indipendente.

Vantaggi e prospettive della libera professione

Oltre a una serie di difficoltà e svantaggi, la libera professione mette a disposizione diversi vantaggi importanti che vanno considerati con attenzione. Prima di tutto è possibile beneficiare di un’elevata autonomia, per scegliere ad esempio il proprio orario di lavoro, gestire gli impegni in base alle proprie necessità e decidere quanto tempo dedicare allo sviluppo dell’attività professionale.

Rispetto a un’azienda un libero professionista deve anche sostenere costi inferiori, investendo soprattutto negli strumenti professionali e nella formazione per migliorare gradualmente le proprie competenze e conoscenze. Un autonomo è anche più consapevole nell’esigenza di aggiornarsi continuamente, un approccio che garantisce un vantaggio nel lungo termine affinché l’attività sia più resiliente e in grado di superare sfide e difficoltà.

Un aspetto da non sottovalutare sono le ampie opportunità di crescita di un libero professionista, in quanto rispetto a un lavoratore dipendente può espandere la propria attività e aumentare i guadagni attraverso strategie apposite. Se da un lato, infatti, l’orario di lavoro è spesso più elevato in confronto a un lavoratore subordinato, allo stesso tempo si possono raccogliere i risultati di tale impegno in termini economici o di crescita del business.

Per ottimizzare l’avvio della libera professione è fondamentale avere sempre un business plan accurato, basato su indagini di mercato approfondite e l’analisi di concorrenti e potenziali clienti. L’attività, inoltre, deve essere progettata nei minimi dettagli, stabilendo obiettivi specifici e gestendo l’attività in modo ottimale, per monitorare lo sviluppo del business in ogni momento e avere sempre il pieno controllo della situazione.

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Ordine Ing Caserta: ha un sito ufficiale? Che informazioni si possono trovare?

Sab Gen 22 , 2022
Per svolgere alcune professioni è necessario ottenere un’abilitazione ed essere iscritti ad un apposito albo: nel caso degli ingegneri, l’elenco viene tenuto ed aggiornato dall’ordine professionale competente per ambito territoriale. Nella provincia di Caserta questa ed altre funzioni vengono svolta da un ente pubblico non economico, ovvero l’Ordine Ing Caserta: […]
ingegneri