Fatturazione Elettronica e delega: ecco come funziona

La fatturazione elettronica dopo essere entrata in vigore nell’ormai lontano 1 gennaio 2019 ha continuato a subire delle modifiche. Non si tratta di un singolo cambiamento ma di una serie di nuove introduzioni che non hanno fatto altro che cambiare tutto il sistema economico italiano.

Iniziato dalla fattura elettronica, ha continuato con lo scontrino elettronico e i corrispettivi telematici. Ora si sta pensando a una serie di modifiche, tra cui quella di rendere obbligatorio il sistema di fatturazione elettronica per tutti e non solo.

Il sistema della e-fattura è stato sì, pensato per contrastare l’evasione fiscale, ma questo non è certo il suo unico scopo. Tra i molti vantaggi che si possono elencare è impossibile non pensare alla fatturazione elettronica tra privati, per la quale è prevista la possibilità di delegare alcuni servizi agli intermediari. Un procedimento che deve avvenire seguendo precise modalità, ma che permette di sfruttare alcuni servizi concordati tra il mittente e gli intermediari per via di moduli appositi.

Ma chiariamo quali sono le caratteristiche della delega della fatturazione elettronica. Per chiunque abbia bisogno di maggiori informazioni è possibile rivolgersi al sito fatturapro.click.

Fatturazione elettronica: cos’è

Quando si parla di delega della fattura elettronica ci si riferisce alla pratica dell’affidare alcuni servizi ad altri soggetti implicati nella mediazione delle fatture elettroniche. Andando più nello specifico occorre precisare che si sono alcuni servizi per cui si ha la possibilità di delega a qualunque soggetto, invece per altri servizi occorrono degli intermediari abilitati.

Tra i primi è possibile indicare:

  • predisposizione ed invio al Sistema di Intermediazione delle fatture in formato elettronico;
  • utilizzo del sistema di archiviazione sostitutivo messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate;
  • generazione del QR-Code per l’acquisizione di tutte le informazioni anagrafiche IVA del soggetto delegante.

Invece, i servizi che possono delegati solo ed esclusivamente ad intermediari abilitati ci si riferisce alla consultazione ed acquisizione delle fatture elettroniche e l’utilizzo del servizio di registrazione del canale e dell’indirizzo telematico scelto dal committente per la ricezione del file.

Chi sono gli intermediari abilitati

Per quello che riguarda gli intermediari abilitati e delegabili possono essere sia soggetti elencati nell’articolo 3 del D.P.R. del 22 luglio 1998, n. 322 che i soggetti abilitati ai servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate. Per quello che riguarda i soggetti indicati nel D.P.R. del 22 luglio 1998, n.322, ci si riferisce a:

  • coloro che sono iscritti agli albi dei dottori commercialisti, ragionieri, periti commerciali e consulenti del lavoro;
  • periti ed esperti che alla data del 30 settembre 1993 risultino iscritti alle camere di commercio, industria, artigianato o agricoltura per la subcategoria dei tributi. Tali soggetti devono essere in possesso del diploma di laurea in materie di legge o economiche;
  • i centri di assistenza fiscale per: imprese, lavoratori, dipendenti e pensionati.

Nel caso in cui ci si avvalga di delega ad intermediario è indispensabile che sulla fattura venga indicato dal soggetto che si avvale di tale servizio. Quindi deve essere esplicitamente indicato dal cedente/prestatore o dal cessionario/committente.

Il conferimento della delega

La delega di una fattura elettronica può avvenire seguendo una delle due modalità possibili. Entrambe semplici da applicare ed efficaci. Il primo metodo che si può mettere in atto è quello di utilizzare l’area riservata dei servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate.

In alternativa è possibile presentare l’apposito modulo di delgada di fatturazione elettronica rivolgendosi a un qualunque Ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate.

La delega non è però eterna, in effetti ognuna possiede una precisa scadenza. Nel caso in cui non vi sia nessuna indicazione in merito, è possibile affermare che la validità delle delega è di 4 anni. Questo però non vieta di procedere a revoca in qualsiasi momento. Questo vuol dire che si può revocare la delega in qualsiasi momento esattamente nello stesso modo in cui si è proceduto al conferimento della stessa.

Con la delega è possibile conferire agli intermediari abilitati la gestione di tutti i servizi che sono connessi alla fattura elettronica stessa. Per poter svolgere il tutto in maniera semplice è importante avvalersi di un buon software o piattaforme  di fatturazione elettronica che permetta la gestione semplice della stessa anche nel caso in cui si proceda a delega.

Redazione

Lascia un commento

Next Post

Codice 7085: ecco a cosa si riferisce e come inserirlo nel modello F24

Dom Giu 26 , 2022
Le società che operano in Italia devono rispettare un’ampia serie di adempimenti fiscali: alcuni di questi prevedono il pagamento di tributi tramite la presentazione del modello F24. Per identificare il tributo che si sta pagando è necessario inserire nel modulo il corretto codice: in questa pagina ci occupiamo del codice […]
società