Codice 7085: ecco a cosa si riferisce e come inserirlo nel modello F24

Le società che operano in Italia devono rispettare un’ampia serie di adempimenti fiscali: alcuni di questi prevedono il pagamento di tributi tramite la presentazione del modello F24. Per identificare il tributo che si sta pagando è necessario inserire nel modulo il corretto codice: in questa pagina ci occupiamo del codice 7085. Vediamo a cosa si riferisce, quando si usa e come si inserisce nella compilazione del modello F24.

A cosa fa riferimento il codice 7085 e quando si usa

Le società di capitali, ovvero le società per azioni, le società a responsabilità limitata e le società in accomandita per azioni sono tenute ogni anno a pagare la tassa di vidimazione dei libri sociali. Le imprese costituende possono fare il pagamento utilizzando l’apposito bollettino, mentre tutte le altre devono utilizzare il modello F24 inserendo il giusto codice tributo, che in questo caso è il 7085. Non tutte le società devono utilizzare il codice 7085 per il pagamento della tassa di vidimazione dei libri sociali: sono esonerati dal pagamento le società cooperative, le società consortili, le società di capitali fallite, le società sportive dilettantistiche.

La tassa di vidimazione riguarda tutti i libri sociali obbligatori, che devono essere numerati e vidimati dalla Camera di Commercio (o da un notaio). Parliamo quindi del libro dei soci, del libro delle obbligazioni, de libro delle adunanze e delle delibere delle assemblee, del consiglio di amministrazione, del collegio sindacale, del comitato esecutivo, degli obbligazionisti, a cui si aggiungono gli altri libri o registri la cui bollatura è dettata dalle nome speciali. Non sono soggette a vidimazione le altre scritture contabili obbligatorie, che devono essere solo numerate in ordine progressivo.

Importo e compilazione del modello F24 per la tassa di vidimazione dei libri sociali

La scadenza è fissata per il 16 marzo. L’importo viene determinato in base al Capitale Sociale riportato nell’ultimo Stato Patrimoniale:

  • ammonta a 309,87 euro se il capitale sociale non supera i 516.456,90 euro;
  • ammonta a 516,46 euro se il capitale sociale supera quella soglia.

Il versamento, come detto, avviene tramite il modello F24: bisogna compilare la sezione Erario, quella che fa riferimento alle imposte dirette, all’IVA, alle ritenute alla fonte ed altri tributi.

Nella casella della prima colonna va subito indicato il codice tributo 7085; la seconda colonna (che fa riferimento alla rateazione)va lasciata in bianco. Nella terza colonna si indica l’anno di riferimento. Nella quarta colonna si devono inserire gli importi a debito, ovvero l’importo della tassa da pagare; la colonna successiva, che è quella relativa agli importi a credito in compensazione, non deve essere compilata. La somma di tutti gli importi a debito presenti nella sezione Erario e la somma di tutti gli importi a credito devono essere riportate nelle apposita caselle presenti nella riga Totale; nella casella Saldo va indicata la differenza tra questi due valori.

Ubaldo

Lascia un commento

Next Post

Pace fiscale 2018: che cos’è? Che cosa prevede il decreto legge?

Gio Giu 30 , 2022
Con il decreto legge 119/2018 è stata introdotta una serie di provvedimenti mirati alla costituzione di un nuovo rapporto tra fisco e contribuenti. Le misure erano quindi pensate per chiudere tutte le situazioni ancora pendenti: nasce da questo il nome di pace fiscale 2018. Le principali novità introdotte dal decreto […]
legge