Carte prepagate Widiba: ecco quali sono e come ottenerle

Le carte ricaricabili sono sicuramente tra gli strumenti di pagamento più apprezzati: sono pratiche ed economiche e son disponibili in diverse variabili per andare incontro alle esigenze di tutti. In questa pagina scopriamo le carte prepagate Widiba: presenteremo le tipologie disponibili, le loro caratteristiche ed i costi, prima di andare a vedere come è possibile ottenerle.

Cosa permettono di fare le carte prepagate Widiba

La gamma di carte Widiba è davvero molto ampia: insieme alla carta di debito inclusa con il conto corrente, alla carta Mastercard Debit ed alle carte di credito, l’istituto online propone anche le sue carte prepagate Widiba Maxi. Sul foglio informativo distribuito dalla banca, la carta Maxi viene definita come una carta di debito prepagata ricaricabile, multifunzione e nominativa. Le operazioni che si possono fare con questo strumento sono:

  • pagamento di beni o servizi presso i negozi italiani e esteri che sono convenzionati con i circuiti PagoBancomat e Visa;
  • impiegare i servizi disponibili presso gli ATM (dalle ricariche telefoniche al pafamento delle bollette e così via);
  • pagamento degli acquisti fatti online (è richeita l’iscrizione al servizio 3D Secure);
  • prelevamento in contanti presso gli ATM del servizio Bancomat in Italia e del servizio Visa all’estero.

Essendo associata ad un codice IBAN, la carta prepagata Widiba Maxi può essere ricaricata sia tramite internet che tramite bonifico bancario.

Costi e limiti della carta e procedura per ottenerla

Vediamo ora i costi legati alla carta. Non è prevista alcuna quota di adesione, ma bisogna pagare un canone annuo di 10 euro. Le ricariche effettuate tramite il servizio di internet e mobile banking sono gratuite, così come quelle effettuate tramite bonifico; c’è una commissione di 1 euro per le ricariche effettuate tramite gli ATM del gruppo MPS. Sempre tramite gli stessi sportelli è possibile prelevare gratuitamente, mentre i prelievi fatti presso gli ATM di altre banche in Italia costa 2 euro; stessa commissione anche per i prelievi con visa nell’area euro (4 euro per i prelievi con Visa da ATM fuori dalla zona euro). Sono gratis le ricariche di cellulari effettuati tramite internet banking; sempre con il servizio di internet banking si possono pagare gratuitamente anche i bollettini MAV e RAV (costa 1,50 euro il pagamento dei bollettini freccia).

Passiamo ai limiti della carta prepagata Widiba Maxi. L’importo massimo che può essere presente sulla carta è pari a 10.000 euro. Nell’arco della giornata si possono prelevare fino a 1.000 euro (massimo 250 euro per ogni operazione), mentre per i pagamenti il limite massimo è di 10.000 euro. La prepagata ha una validità di tre anni ed è previsto il rinnovo a scadenza. Per richiedere la carta Maxi è necessario avere un conto Widiba. La procedura è semplice perché basta accedere al servizio di banca online e scegliere la voce Richiedi carte; a questo punto basta selezionare il layout che piace di più e confermare la richiesta. La carta viene recapitata gratuitamente a casa del richiedente entro quattro o cinque giorni lavorativi.

Ubaldo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Tassazione atti giudiziari: quando si verifica? Come? Che cosa fare?

Gio Mar 3 , 2022
Quando si chiude un procedimento o una fase di giudizio è necessario procedere con la registrazione di alcuni atti: la registrazione comporta il pagamento dell’imposta di registro. Cerchiamo di capire quando si verifica la tassazione degli atti giudiziari, come avviene il pagamento e cosa si deve fare in questi casi.
tasse