Cos’è la Borsa e come investire nei mercati finanziari

Oggigiorno i mercati finanziari offrono le migliori opportunità d’investimento, tuttavia prima di avvicinarsi a questo settore è fondamentale capire come funziona la borsa. La contrattazione di titoli basati su un controvalore è un’attività antica, ma prese la forma attuale soltanto alla fine del 1300 con la nascita dei primi banchieri in Italia.

Grazie alle tecnologie moderne negli ultimi 100 anni le borse sono diventate molto complesse, gestite telematicamente attraverso avanzati sistemi computerizzati, nonostante la filosofia di base sia rimasta pressoché immutata. Vediamo cos’è la borsa valori e quali sono i meccanismi che regolano il suo funzionamento.

Cos’è la Borsa Valori

La Borsa è un mercato finanziario, un luogo che può essere fisico oppure telematico, all’interno del quale una serie di operatori qualificati contrattano le azioni delle società quotate. Di solito ogni grande capitale ha la sua borsa valori, come ad esempio quella di Wall Street a New York e Piazza Affari a Milano, dove si registrano le aziende di quel paese che vogliono cedere delle quote sul mercato.

In questi luoghi di contrattazione è possibile sia acquistare che vendere titoli, soprattutto relativi alle imprese nazionali con sede nel paese e ai titoli di Stato, inoltre si possono comprare azioni di altre aziende estere. Per accedere bisogna essere qualificati come operatori di borsa, rispettando i requisiti richiesti dalle normative nazionali e internazionali.

Come funziona il sistema della Borsa

Il funzionamento delle borse è piuttosto semplice, nonostante l’intero sistema sia estremamente complesso. Alla base del meccanismo c’è appunto la contrattazione di azioni, titoli che rappresentano un asset di riferimento, ad esempio una quota di una società, una materia prima, una coppia di valute (Forex) o un indice.

Il prezzo di tali titoli è determinato da quello che viene definito rapporto tra la domanda e l’offerta, secondo il concetto che più un bene è ricercato dagli acquirenti più il suo valore è elevato. Ciò significa in parole semplici che se molti investitori vendono un determinato titolo sui mercati il suo prezzo scende, mentre se un gran numero di persone acquista quelle azioni la loro quotazione sale.

Ovviamente il prezzo delle azioni è vincolato a tantissimi altri fattori, che concorrono a incidere sull’andamento del valore del titolo in borsa. Ad esempio possono influire condizioni macroeconomiche, previsioni di grandi analisti, operazioni di società specializzate, analisi provenienti da indici economici di paesi importanti e così via.

Per approfondire l’argomento visita questo sito, un portale specializzato negli investimenti finanziari dove trovare numerose guide e approfondimenti.

Quali sono le borse più importanti del mondo?

Non tutte le borse valori sono ugualmente importanti, infatti alcune comprendono volumi così elevati di contrattazione da essere particolarmente rilevanti a livello internazionale. Questi mercati sono in grado di influenzare le economie mondiali, oppure trascinare altre borse all’interno di trend e andamenti.

Tra le 10 borse più importanti del mondo ci sono:

  • NYSE – (New York Stock Exchange)
  • NASDAQ – (National Association of Securities Dealers Automated Quotation)
  • TSE – (Tokyo Stock Exchange)
  • SSE – (Shanghai Stock Exchange)
  • HKSE – (Hong Kong Stock Exchange)
  • LSE – (London Stock Exchange)
  • Euronext – (mercato finanziario europeo)
  • SZSE – (Shenzhen Stock Exchange)
  • TSX – (Toronto Stock Exchange)
  • FWB –(Frankfurt Stock Exchange)

Come funzionano gli indici

Come abbiamo visto esistono diverse borse internazionali, mercati finanziari più o meno importanti, le cui contrattazioni possono incidere direttamente sull’economia reale e viceversa. All’interno di ogni borsa le azioni sono suddivise in una serie di indici, che raggruppano titoli simili riferiti a settori specifici o in cui le aziende quotate rispettano dei determinati requisiti.

Un indice può essere caratterizzato da società con una capitalizzazione elevata, superiore una certa soglia minima, essere formato soltanto da aziende tecnologiche, da imprese del comparto energetico oppure da particolari asset. Ad esempio l’indice Down Jones misura le 30 migliori aziende degli Stati Uniti, chiamate in gergo tecnico Blue-chip, mentre l’indice FTSE MIB della Borsa di Milano comprende le azioni delle 40 imprese quotate a maggiore capitalizzazione.

Borsa online, trading e controlli

All’interno delle borse possono effettuare operazioni soltanto le persone e le società qualificate. Si tratta di operatori che possono accedere ai cosiddetti mercati primari, comprando direttamente azioni o altri asset, per poi rivenderli in base alle proprie esigenze. Questo meccanismo permette alle aziende quotate di trovare finanziamenti, per effettuare investimenti nell’impresa o in altre attività, mentre i trader possono speculare sulla differenza di prezzo intercorsa dal momento dell’acquisto a quello delle vendita.

Inoltre alcune società riconoscono ai loro azionisti un dividendo, un bonus legato ai risultati ottenuti dall’azienda durante l’anno, che consente agli investitori di ottenere un rendimento extra oltre al valore del pacchetto azionario in loro possesso. Tuttavia esistono anche dei mercati secondari, dove possono accedere anche cittadini privati e piccoli trader, oppure dei veri e propri mercati telematici, il più famoso dei quali è il Forex, il mercato internazionale delle valute.

Infine ogni paese ha degli organismi di controllo, come la Consob in Italia, che monitorano le rispettive borse valori e verificano il rispetto delle regole da parte degli operatori e delle società quotate. Ciò permette di evitare comportamenti scorretti, dalle frodi alla compravendita pilotata di grandi pacchetti azionari, proteggendo sia l’economia nazionale che i rapporti internazionali, salvaguardando in primis piccoli risparmiatori e trader.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *