Costo cancellazione ipoteca giudiziale: come si calcola e chi può farla?

L’ipoteca è una forma di “garanzia” per una richiesta di una somma di denaro.

Le banche rilasciano spesso dei mutui con ipoteca. Questo metodo di rilascio del denaro è semplice da spiegare. Praticamente un cliente, che non ha molte garanzie, può richiedere una somma di denaro per comprare l’immobile.

La garanzia sarà l’immobile stesso. Ciò vuol dire che il mutuo servirà a pagare l’immobile, ma in caso il debitore non riesce poi a pagare il canone mensile, allora la banca sequestra l’immobile. L’ente bancario diventerà il proprietario e questo andrà ad estinguere l’ipoteca.

Tuttavia è sempre bene pensare che un debito con la banca non termina solo con il sequestro dell’immobile.

Una volta che il debito è saldato, si deve procedere comunque alla cancellazione dell’ipoteca giudiziale.

Perché è necessario fare la cancellazione dell’ipoteca giudiziale

La procedura per la cancellazione dell’ipoteca giudiziale avviene in modo formale. Ci si deve rivolgere agli uffici competenti o essere guidati dalla banca.

Il problema di avere una casa con ipoteca, anche se interamente pagata, è quella di non poter poi rivendere il bene. Si tratta di un problema di forma, se così possiamo dire, poiché l’ipoteca fa capire che l’immobile è stato acquistato a “debito”.

Siccome questa procedura comprare nei registri pubblici, il problema è che le banche poi vedono quale sia il rapporto finanziario.

In effetti è un discorso che riguarda più che altro un discorso di controllo. Attualmente la cancellazione dell’ipoteca giudiziale è uno dei pochi modi che permettono alle banche di sapere tutto su un cliente.

Ad ogni modo, se avete estinto il debito e dovete effettuare poi la cancellazione dell’ipoteca giudiziale, non dovrebbero esserci problemi. Solitamente si ha una cancellazione dell’ipoteca giudiziale anche molto veloce.

Facciamo recuperare valore al bene comprato

C’è anche un’altra nota negativa, che riguarda il valore economico dell’immobile.

Se compriamo una casa, che costa 100.000 euro, con un debito a ipoteca. Ci lavoriamo per restaurarla spendendo oltre 50.000 euro. Il suo valore non sarà 150.000 euro perché la presenza dell’ipoteca andrà a svalutare l’immobile. Esso in realtà potrebbe valere solo 80.000 euro.

Una bella “fregatura” se si pensa che tutto dipende da una pratica.

Per far recuperare il giusto valore all’immobile comprato, allora si deve eseguire la procedura per la cancellazione dell’ipoteca giudiziale.

Una volta che un immobile è totalmente privo di vincoli e anche di “attestazioni” di debito. Immediatamente il suo valore economico schizza alle stelle.

Procedura per la cancellazione dell’ipoteca giudiziale

Come fare per velocizzare la cancellazione dell’ipoteca giudiziale?

Prima di tutto il debitore deve aver saldato il suo mutuo o ipoteca che dir si voglia. Una volta chiarita la sua posizione, si procede alla cancellazione dell’ipoteca giudiziale con una domanda per un determinato motivo.

I motivi possono essere:

  • Termine ed estinzione del debito verso la banca
  • Dichiarazione di “perimento” sull’immobile
  • Rinuncia iscritta del credito da parte della banca
  • Vendita forzata

Solo in queste 4 situazioni è possibile avere poi la cancellazione dell’ipoteca giudiziale.

Maria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Numerazione note di credito: come si effettua e a cosa serve?

Ven Giu 19 , 2020
Riscuotere una fattura è sempre un momento piacevole per il creditore. Le aziende o i professionisti che effettuano consulenza, devono dichiarare quanto percepiscono. Per richiedere il pagamento ai loro clienti emettono le fatture. Oggi ci sono anche le fatture elettroniche che sono obbligatorie per legge. Tuttavia, quando ci sono poi […]
Numerazione note di credito