Iscrizione vies agenzia entrate: come si effettua, documentazione e costi

Gli imprenditori che hanno intrapreso una propria attività commerciale in Italia, potrebbero scontrarsi con una procedura che appartiene al mercato libero.

Nonostante le frontiere sono state aperte, il commercio è diventato globale, ma occorre che ci siano dei documenti che lo confermino. Tra questi troviamo l’iscrizione vies che avviene presso l’Agenzia delle Entrate.

Senza questa procedura non è possibile poi estendere il proprio mercato all’estero. Chiunque vada poi ad operare senza avere questo documento, si rischia di essere condannati per evasione fiscale.

Cos’è la “Vies”?

Vediamo esattamente cosa sia la “vies”. Si parla di un’estensione o di una nuova apertura della partita iva che permette di avere le caratteristiche per la vendita nel resto dell’Europa.

La sigla Vies indica, Vat Information Exchange System. Il Sistema elettronico permette di convalidare il numero della partita iva per fare un controllo e quindi registrare le transazioni che sono oltre i confini italiani.

La per richieste dell’iscrizione vies è possibile eseguirla direttamente nell’Agenzia delle Entrate. Sia le partite iva che sono già esistenti che anche quelle che sono di nuova apertura possono fare questo passaggio. Ciò aiuterà a sviluppare il proprio business anche oltre confine.

Come si effettua l’iscrizione vies all’agenzia entrate?

Nonostante sia a libera scelta della partita iva se fare o meno l’iscrizione al vies è importante pensare ad un mercato che è sempre più globale.

Per fare questo passaggio basta rivolgersi all’Agenzia delle Entrate anche tramite il sito. Si segue una procedura del tutto semplice e automatizzata. I passaggi sono molto semplici. Lo stesso soggetto interessato può fare la richiesta avendo alla mano documenti e certificazioni.

Documenti e costi per la procedura

I documenti che si possono scaricare sono il modello AA7 per le partite iva che sono di persone fisiche oppure il modello AA9 per ditte individuali o anche lavoratori autonomi. In questo caso si deve poi compilare la voce e il “settore” dove c’è la dicitura: operazioni intracomunitarie.

Ovviamente è anche un intervento che può essere affidato direttamente al proprio commercialista, ma in questo caso si deve pagare anche il costo del professionista.

Allora vediamo quali sono le spese che sono richieste per fare l’iscrizione al vies. La spesa varia dalle 60 euro alle 100 euro. Ovviamente in base anche all’estensione dei settori in cui opera la partita iva, si ha anche un aumento dei costi.

Ci potrebbero comunque essere anche delle marche da bollo oppure altri oneri che cambiano da regione a regione. Meglio quindi informarsi direttamente sul sito delle Agenzia delle Entrate.

Maria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Dropshipping senza partita iva: si può fare? In che modo?

Ven Dic 4 , 2020
Qualche anno fa ha iniziato a girare questo termine “dropshipping”. Alcuni venditori si sono lamentati di una vendita non proprio corretta ed altri venditori hanno lamentato poi problemi di spedizione.
Dropshipping senza partita iva